Femminicidio e violenza di genere sui media: deontologia e buone pratiche

Siamo stanche di una certa narrazione della violenza di genere su alcuni giornali. È sessista, distorta, violenta e offende le donne e anche la deontologia della stessa professione di giornalista.

Riteniamo che il lavoro di un Centro Antiviolenza debba essere anche di impegno culturale per cambiare linguaggio e prospettiva. Ecco perché abbiamo accettato l’invito proveniente dalla Toscana. Martedì 12 settembre ci confronteremo su certi temi a Livorno, a un corso di formazione dell’Ordine dei giornalisti della Toscana. Lo faremo insieme a Eurete e a Chayn Italia.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *